Newsletter @-Lato

Newsletter @-Lato del 24 novembre 2016
Il concetto chiave di questa nuova circolare @-lato è sicuramente il viaggio. Per essere tale, non deve avvenire solamente attraverso pesanti navi o aeroplani. Si parla di viaggio e di turismo responsabile nella proposta di lettura. Sono piccoli viaggi anche le nostre gite, per osservare le mete più vicine a casa attraverso la riscoperta della socializzazione. Si può viaggiare anche attraverso il tempo e nella cultura, andando a piedi per il centro storico di una città. E si viaggia anche attraverso i racconti e le esperienze degli altri viaggiatori o guardando immagini e fotografie di ogni angolo della Terra. Scopriamo qualcosa di noi stessi e del mondo che ci circonda sia addentrandoci nel cuore più affollato di una città europea, sia isolandoci tra i gorilla in un angolo di giungla sperduto.
 
 Agenda: appuntamenti di attività e incontri per riflettere, conoscere, cambiare...
 
In gita con @-Lato - Calendario 2017
Dopo la pausa invernale, nel mese di febbraio riprenderanno le gite del laboratorio culturale @-Lato: per esplorare ciò che ci circonda con un punto di vista laterale.
 
Calendario delle escursioni 2017 (domenica)
- 19 febbraio – Castello di Padernello (Bs) e Mercato della terra Slow Food
- 26 marzo – Villa Verdi e Casa Barezzi (Pr)
- 23 aprile – Torre de’ Picenardi (Cr)
- 21 maggio – Giardini botanici di Villa Taranto (Vco)
- 18 giugno – Giardino della Rosa di Ronzone (Tn)

Per maggiori informazioni visita la pagina facebook di @-Lato, scrivici via mail ad alato@gmail.com o alessandra.cinquetti@gruppocastelli.com oppure contatta il 3899027112.

 
 
Le perle di Mantova
Come la conchiglia racchiude la perla, così Mantova Capitale Italiana della Cultura 2016 custodisce preziosi tesori a ogni angolo del centro storico.
Ogni sabato, domenica e lunedì, le Guide Rigoletto di Confcommercio Mantova propongono un affascinante tour nel cuore del sito Unesco: una passeggiata alla scoperta delle bellezze storiche, artistiche e architettoniche del capoluogo.
Il percorso, della durata di un’ora e mezza, parte dall’Infopoint Casa di Rigoletto in piazza Sordello, prosegue per le corti interne di Palazzo Ducale, arriva in Piazza Dante nei pressi del Teatro Scientifico del Bibiena e della Biblioteca Teresiana e, attraversando il ghetto ebraico, giunge prima alle Pescherie di Giulio Romano e poi alla Basilica di Sant’Andrea, terminando in Piazza Sordello.
La quota di partecipazione è di 6 euro a persona (5 euro per i possessori della Mantova Card+Sabbioneta), ed è gratuita per i bambini fino ai 14 anni.
È necessaria la prenotazione. Info e prenotazioni: Infopoint Casa di Rigoletto (tel. 0376 288208; info@infopointmantova.it).
 
 
I venerdì del viaggiatore
Viaggi nel mondo raccontati dai protagonisti, con immagini, filmati ed esperienze - Padenghe sul Garda Via Talina, 1 - Sala polifunzionale
Autunno 2016
http://www.comune.padenghesulgarda.bs.it/PortaleNet/portale/CadmoDriver_s_396134
 
 
Concorso "Immagini per la Terra"
Immagini per la terra è un concorso di educazione ambientale ideato da Green Cross Italia con la collaborazione del Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, aperto a studenti e insegnanti di tutte le scuole di ogni ordine e grado italiane sul territorio nazionale e all’estero.
Questa è la 25ma edizione del bando e per questo motivo si è scelto di mettere al centro le immagini della terra e del territorio, la rappresentazione dei grandi problemi ambientali e delle soluzioni, la narrazione delle esperienze. E poi l’immaginazione dei bambini e dei ragazzi, chiamati a scendere in campo per osservare e studiare, capire e approfondire, per riflettere sui modelli di sviluppo e di consumo proposti e ideare un futuro sostenibile per le prossime generazioni. Come vedi il nostro pianeta? Come vorresti che fosse? Che cosa possiamo fare tutti per rendere la nostra casa comune un posto migliore? Queste alcune delle domande a cui vorremmo si desse una risposta, non con una ricetta univoca, ma lasciando spazio alle tante voci e forme espressive diverse frutto della fantasia e della creatività che appartengono ai più giovani.”
Ci sono in palio 8 premi da € 1.000, da impegnare poi a sostegno di iniziative ambientali a favore della scuola vincitrice.
Il bando scade il 31.03.2017, ecco il link del pdf del concorso http://www.immaginiperlaterra.it/downloads/Bando_XXV_edizione_A4.pdf
 
   
Spunti e consigli: dati, approfondimenti e riflessioni per un mondo che cambia
   
Vuoi proteggere il tuo animale? Evita i botti di capodanno
Sono divertenti e colorati, ma petardi e fuochi d'artificio sono una fonte di stress e un serio fattore di rischio per gli animali domestici: molti cani o gatti spaventati scappano da casa e si creano così situazioni pericolose per le auto che si trovano a dover affrontare comportamenti imprevedibili dei poveri fuggiaschi. Pensate che molti uccelli muoiono addirittura di crepacuore! Infatti le ultime stime evidenziano che a causa dei botti muoiono circa 5000 animali ogni anno fra domestici e selvatici.
Ecco alcuni accorgimenti per aiutare Fufi la sera di S. Silvestro:
-    non costringerlo a stare accanto a te e lascialo spaziare: deve riuscire a crearsi una situazione rassicurante;
-    se abbaia, ulula o guaisce, distrailo magari lasciandogli a disposizione dei giochi o qualcosa da rosicchiare;
-    cerca di sdrammatizzare la situazione, eventualmente facendolo giocare; non devi proteggerlo o confortarlo e soprattutto non devi dar peso alle sue ansie.  In questi casi è molto più efficace una vera e propria "pratica dell'allegria" e ricordati di lasciare qualche boccone appetibile quando devi allontanarti;
-    lascia liberi i suoi soliti nascondigli e inibisci quelli troppo angusti, per evitare che si ferisca per entrarci.
 
 
Come stanno i boschi italiani?
Crescono di molto, per la prima volta dopo decenni, complice anche l'abbandono delle campagne. Un terzo del territorio italiano è oggi coperto da boschi.
Le foreste sono uno strumento fondamentale per la lotta ai cambiamenti climatici e la salvaguardia della biodiversità. Non sono solo scrigni di diversità biologica e sono utili nella riduzione dei rischi da dissesto idrogeologico e per per la depurazione e regimazione delle acque.
Una delle ultime catalogazioni è stata realizzata dal Corpo Forestale dello Stato, insieme all’Unità di ricerca per il monitoraggio e la pianificazione forestale.
All'interno dell'inventario pubblico delle foreste (Infc) è possibile accedere a tutti i dati e alla documentazione dell’inventario forestale nazionale. Il primo realizzato era datato 1985, mentre oggi abbiamo a disposizione i dati relativi al 2014. Secondo quanto riporta l’inventario, le foreste e i boschi italiani sono in salute e sono cresciuti negli ultimi decenni. In particolare la superficie forestale nazionale è cresciuta del 5,8% rispetto al 2005 ed è pari a 10.987.805 ettari. Di tale incremento, solo 1.700 ettari l’anno però sono dovuti a imboschimento, il resto è il risultato dell’espansione naturale del bosco, conseguente al progressivo abbandono delle attività agro-silvo-pastorali. L’aumento ha portato le foreste italiane a ricoprire il 34% della superficie italiana e il 5% della superficie europea, posizionandosi al sesto posto in Europa (Russia esclusa).
 
 
L'attività umana cambia il clima          
Mentre a Marrakech si discute incessantemente sul futuro del negoziato sul cambiamento climatico – anche alla luce delle recenti presidenziali statunitensi – può essere utile riflettere su alcuni temi più generali. Uno fra questi, più volte evocato, riguarda le responsabilità dei singoli paesi. Nel gergo negoziale, il tema delle responsabilità storiche.
Con la perifrasi si intende evidenziare il ruolo (la responsabilità) svolto dai paesi industrializzati rispetto a quello delle nazioni in via di sviluppo nella origine e nell'espansione del problema. Le diverse responsabilità devono essere considerate partendo da una prima e fondamentale informazione. Le concentrazioni di gas serra in atmosfera dipendono dall’attività umana o, più esattamente, dall’uso di fonti fossili. Il tempo che dobbiamo tenere in considerazione riguarda tuttavia non l’ultimo anno o l’ultimo decennio ma, a causa del lento decadimento di questi gas in atmosfera, l’insieme delle emissioni a partire dalla rivoluzione industriale.
Tutte queste informazioni ci portano a concludere che i paesi e le diverse generazioni che si sono susseguite potranno essere chiamate responsabili – in quanto hanno contribuito nel passato, contribuiscono nel presente e contribuiranno nel futuro al cambiamento climatico – in proporzione alle emissioni totali.
Continua a leggere l’articolo su http://www.lavoce.info/archives/43867/cambiamenti-climatici-quanto-contano-le-responsabilita-storiche/
 
 
Biblioteche comunali. Le salvano i ragazzi, i bambini e i volontari
Da Nord a Sud del nostro Paese sono nate reti di visionari che stanno facendo il miracolo. A Palomonte, in provincia di Salerno, sono in 200, con un’età tra i 25 e 35 anni, che fanno funzionare la biblioteca comunale con 3.500 volumi a disposizione del pubblico.  E sono loro a garantire l’apertura dei locali, che viene assicurata tutti i giorni, dal lunedì al venerdì. A Cinisello Balsamo si respira un’area americana, nel centro culturale-biblioteca di 4 piani e 6.600 metri quadrati di superficie: i visitatori sono raddoppiati, e molti sono stranieri. A Librino, periferia di Catania, i protagonisti sono i bambini, nella “Librineria”, la biblioteca allestita con l’aiuto della squadra di rugby e dei volontari dell’associazione Iqbal Masih. A Rosarno, nel cuore della Calabria, una mediateca di 100 metri quadrati, con libri e film, è diventata un punto di riferimento per la comunità dei nordafricani che lavorano nelle campagne della zona  E a Roma, nel quartiere dell’Esquilino, l’anglosassone Caroline Dookie ha aperto il suo spazio di libri per bambini e genitori.  
 
Domanda di petrolio  
Secondo l’Agenzia internazionale per l’energia (Aie) nei prossimi 25 anni consumeremo sempre più petrolio. All’interno del dibattito sul tramonto dei combustibili fossili, l’Agenzia si pone in netto contrasto sulla teoria diffusa secondo cui il picco della domanda di greggio sarebbe ormai dietro l’angolo. Sempre secondo l’Aie, gli accordi Parigi sul clima non saranno in grado di fermare la crescita della domanda di greggio.
Allo stesso tempo l’Agenzia prevede una maggiore diffusione delle auto elettriche, anche se non a livello ottimistico. La previsione è che il parco mondiale, che nel 2015 contava solo 1,3 milioni di unità, supererà 30 milioni nel 2025 e 150 milioni nel 2040, pari al 10% del totale, con una conseguente riduzione della domanda di greggio di 1,3 milioni di barili al giorno.
 
   
 Il Film
   
Virunga
di Orlando von Einsiedel

Il docu-film si focalizza sul lavoro di conservazione attuato dalle guardie forestali del Parco nazionale di Virunga, situato nella Repubblica Democratica del Congo e casa degli ultimi gorilla di montagna del mondo. Nel film, infatti, i custodi del parco cercano di proteggerlo dall’attività di esplorazione petrolifera della società britannica Soco International, dove la bellezza naturale e la biodiversità di Virunga si fondono e si intrecciano con le complesse questioni politiche ed economiche riguardanti l'esplorazione di petrolio e con il conflitto armato in corso nella regione.
Acclamata universalmente dalla critica, la pellicola è stata candidata ai Premi Oscar 2015 nella categoria miglior documentario e ai premi BAFTA 2015 sempre nella stessa categoria.
Il docu-film Virunga è visibile sulla piattaforma di streaming Netflix o acquistabile sulle maggiori piattaforme online. Per maggiori informazioni: www.virungamovie.com
 
   
 Il Libro
Il viaggio e l'incontro. Che cos'è il turismo responsabile
di Maurizio Davolio, Alfredo Somoza
 
Oltre ad un normale racconto di una storia tutto sommato breve - quella dell'Associazione Italiana per il Turismo Responsabile (AITR, fondata nel 1998) -  esiste soprattutto un presente, quello del turismo re¬sponsabile, che partendo dal semplice bisogno di un consumatore (il turista che chiede garanzia di natura etica in ordine al proprio viaggio) costruisce con forte valenza politica e grande spinta etica una solida filosofia.
La storia raccontata da Maurizio Davolio (tra i padri, appunto, di AITR) e Alfredo Somoza (antropologo italo argentino) va ben oltre la ricerca etica di un viaggiare che rifugge dallo sfruttamento del lavoro minorile e dal mancato rispetto del ter¬ritorio, a favore di un basso impatto ambientale ed alla continua ricerca di una equità economica.
Alla fine del cammino di ogni viaggiatore, probabilmente, la meta reale è rappresentata da una grande consapevolezza, quella che esiste un modo di conoscere che combatte le disuguaglianze sociali e la povertà, aprendo oggi quegli orizzonti che la stessa nascita del fenomeno non aveva il coraggio di vedere.
 
 
  Turismo responsabile
Scoprire le capitali attraverso i loro mercati
Da Barcellona ad Atene, da Palermo a Londra, i mercati storici sono un'occasione per assaporare prelibatezze ma anche per conoscere la città.
Spazi di design, palazzi medievali, giardini storici, dimore ottocentesche. Piazze piene di vita da vivere dalla mattina alla sera, girando tra prodotti freschi, i profumi, i colori e la gente. Visitare un mercato porta dritti al cuore di una città, presenta la sua anima più autentica. Ma non è solo per fare la spesa che si visita un mercato: oggi offrono corsi di cucina, piatti espressi, eventi e degustazioni.
Continua a leggere l'articolo su:
http://www.repubblica.it/viaggi/2016/11/22/news/mercati_per_gourmet_in_italia_e_in_europa-152554437/#gallery-slider=152551232